Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione. Ulteriori informazioni sulla   Privacy Policy  di questo sito.

 
 

logo-ctv-new

Rate this item
(1 Vote)

La devozione mariana di P. Giuseppe Girotti

P. Giuseppe Girotti

 

Il 27 marzo 2013  Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione per le cause dei Santi a pubblicare il decreto sul martirio del domenicano Giuseppe Girotti, portando ad una svolta conclusiva il processo canonico per la beatificazione del suddetto frate, iniziato il 20 marzo 1988  

Il P. Giuseppe Girotti, studioso e commentatore della Bibbia nonché autore di opere di ampio respiro quali il Commento ai Libri Sapienziali  ed il Commento al Libro di Isaia, essendo morto nel lager di Dachau, dove era stato rinchiuso per aver dato soccorso e ricetto ai fratelli di Israele crudelmente perseguitati dal regime nazifascista, è infatti considerato un martire della carità 

   Tutti i biografi che si sono occupati di questo Domenicano (Odetto, Cauvin, Risso, Morello) nonché gli estensori della stessa Positio super martyrio hanno quindi dato ampio spazio alla carità eroica del frate, soffermandosi in particolare sull'arco di tempo che intercorre tra l'8 settembre 1943, giorno del fatidico armistizio, al I aprile 1945,  domenica di Pasqua durante la quale il Domenicano è morto. Trattandosi effettivamente di una causa martiriale, l'analisi particolareggiata di questo periodo è strettamente necessaria, tuttavia ritengo che ci siano ancora degli aspetti nella vita religiosa di questo domenicano sui quali valga la pena di soffermarsi ulteriormente, in quanto poco conosciuti o non messi troppo in evidenza dai biografi suddetti, come appunto la devozione nutrita da P. Girotti nei confronti della Madonna, per altro ribadita nello stesso processo di beatificazione da qualche testimone che ha personalmente conosciuto il Nostro frate.

   Proviamo quindi ad esaminare brevemente la religiosità del P. Girotti sotto questo profilo.   

   Sulla prestigiosa rivista Dominicus1, Marcella Brandoni, laica domenicana, riporta testualmente 

alcune espressioni del P. Girotti tra le quali, a proposito dell'amore da lui nutrito per la Madre di Gesù, in occasione della presentazione del suo Commento ai Libri Sapienziali (Proverbi,

Ecclesiaste, Cantico dei Cantici, Sapienza, Ecclesiastico)  possiamo leggere

   I superiori imposero l'arduo compito a noi che ci accingemmo con buona lena al lavoro, fidenti in tutto nella protezione della nostra buona Mamma celeste, la quale ci aiutò visibilmente in circostanze tristissime della vita e sempre continua ad assisterci nelle innumerevoli angustie che in questi giorni specialmente ci circondano

mentre, nell'introduzione al Cantico dei Cantici, egli afferma 

   Se l'unione del Cristo con la Chiesa si realizza in modo particolare e concreto nell'anima di ogni fedele, membro vivente della Chiesa, essa trova la sua più perfetta attuazione nell'anima purissima di Maria Vergine (…) Maria SS. riassume in sé tutte le qualità della sposa prediletta, l'amore, la purezza, la bellezza, ecc.; inoltre per la dignità di Madre di Dio e nel posto che le compete nell'economia della Redenzione, Maria SS. è un membro talmente eminente della Chiesa che ne può essere considerata come la più perfetta personificazione. 

   In verità nel commento al suddetto Cantico il Nostro frate fa più volte riferimento alla Beata Vergine e tra tutti i brani esegetici riportati dall'Autrice dell'articolo, mi sembra particolarmente incisivo quello posto a nota del versetto 7 del cap. 1, in cui la sposa recita:

   Dimmi, o amore dell'anima mia, dove vai a pascolare il gregge, dove lo fai riposare al meriggio perché io non sia come vagabonda dietro i greggi dei tuoi compagni

    A tale proposito P. Girotti ha scritto:

    Non si va lontano nella ricerca, nella compagnia, nell'amore di Gesù senza incontrare la prova e la persecuzione. Il Salvatore non è ancora nato che i dolori cominciano per Maria SS. Dopo aver assaporato il rifiuto della più modesta ospitalità e lo squallore di una grotta, ella fugge perseguitata da Erode, bruciata dal sole del deserto, infinitamente rattristata dall'ingratitudine degli uomini, mentre davanti ai suoi occhi permane sempre lo spettro dei futuri dolori del Figlio suo, profetizzatile dal santo vecchio Simeone col simbolo d' una spada che avrebbe trafitto il suo cuore materno

    Parole, come si può constatare, molto profonde che inducono a meditare con quanti dolori e con quanti sacrifici Maria abbia dovuto pagare il suo alto privilegio di essere la madre del Salvatore, ma che sembrano anche un presentimento, quasi una profezia inconscia, del doloroso iter che il nostro  stesso Domenicano dovrà affrontare fra qualche anno per rimanere fedele all'insegnamento di Cristo

ed in particolare alla pratica della carità. 

    Come corollario di quanto ho ora affermato riporto l'episodio riferito dal suo confratello P. Scaltriti, e da lui stesso confermato di fronte al Promotore di Giustizia durante l'indagine diocesana per la beatificazione del Nostro frate.

    Sul tavolino padre Girotti aveva una Madonna con il Bambino. Dopo essersi un po' sfogato alzò la voce dicendomi: “Vedi quel Bambino? Quel Bambino sono io”

   Con ogni probabilità questa poetica e commovente identificazione con Gesù Bambino rappresentava nient'altro che una invocazione alla Madonna, affinché lo sostenesse nella dura prova che stava attraversando: in seguito alla visita canonica compiuta dal P. Agostino Darmanin, il 2 gennaio 1939, esattamente due mesi dopo la pubblicazione del suo Commento ai Libri Sapienziali, gli era stato infatti revocato l'insegnamento religioso che egli conduceva presso lo Studium Generale O.P. della Provincia, nel convento torinese di Santa Maria delle Rose, e gli era stato imposto di trasferirsi da codesto convento a quello di San Domenico di Torino.

   Non mi sembra questa la sede adatta per trattare le motivazioni che hanno spinto il visitatore canonico, che pure aveva definito il Nostro frate “molto buono, caritatevole e servizievole come pochi” , a proporre simili provvedimenti: mi sembra invece opportuno mettere in evidenza che l'immedesimarsi con il Salvatore implichi comunque una determinata accettazione di tutte le sofferenze che Egli stesso ha dovuto patire nella sua opera di redenzione, anche se questi eventi dolorosi possono essere nel momento in si cui compie una tale assimilazione, del tutto sconosciuti o incomprensibili. Questa vera e propria imitazione di Cristo sulla strada del Calvario P. Girotti la compirà nella sua interezza nel campo di concentramento di Dachau, fin dal 9 ottobre 1944, giorno del suo arrivo, quando assieme con don Angelo Dalmasso ( il sacerdote che condividerà con lui tutti gli orrori del lager e risulterà in seguito il principale testimone oculare della vita condotta dal Nostro domenicano nel suddetto campo di detenzione) si dovrà spogliare completamente di fronte ad una moltitudine di altri prigionieri, sotto una pioggerellina di ottobre, che entrava  fin nelle ossa2. Al compagno religioso sopraffatto dalla vergogna e dall'imbarazzo, il Nostro frate, prima di iniziare l'umiliante operazione, ricorderà appunto la decima stazione della Via Crucis. 

   Ed è probabilmente proprio nel campo di Dachau che si consumerà anche il periodo più intenso e più pregnante della sua devozione mariana, anche se a questo riguardo possiamo fare solo delle semplici congetture, dal momento che non possediamo delle testimonianze de visu o de auditu.

   Cerchiamo quindi, nel tentativo di chiarire quanto si è ora asserito, di dare un rapido sguardo  

sull'arresto e la deportazione del Nostro frate.  Egli, il 29 agosto 1944, fu dapprima rinchiuso nel carcere torinese de “Le Nuove”, sotto accusa di aver dato soccorso e ricetto agli Ebrei ed in particolare al professor Giuseppe Diena, insigne medico gastroenterologo e libero docente presso l'Università di Torino, che il P. Girotti stava  effettivamente nascondendo in una villa della collina di Torino, presso una famiglia amica.

   Il 21 settembre successivo fu trasferito nel campo di Bolzano (fu eseguita durante il viaggio una breve sosta a Milano, dove tutti i prigionieri furono rinchiusi nel carcere di San Vittore) e di qui, proprio durante la prima domenica di ottobre, tradizionale festa della Madonna del Rosario, venne tradotto nel lager bavarese di Dachau. 

   E' necessario tuttavia  soffermarci un istante su questa fatidica domenica, esaminando quanto ha scritto in proposito don Dalmasso in un articolo di testimonianza:

   La prima domenica di ottobre P. Girotti mi chiamò in disparte; ricordo ancora le sue parole: “Oggi diremo tanti Rosari, io da buon domenicano debbo rosariare con una certa solennità”, ma il nostro Rosario fu bruscamente interrotto. All'improvviso risuonò l'ordine dell'adunata e corse tra i prigionieri la voce che si partiva per la Germania (…) Stipati nei carri a bestiame arrivammo con un giorno ed una notte di viaggio ad un paese nelle vicinanze di Monaco di Baviera. Tutto il mondo ricorda con orrore il suo nome: Dachau (…) dal campo di smistamento eravamo passati al campo di annientamento (…) La nostra colonna era di quasi duemila internati. 

   In presenza di questa colonna di deportati il Nostro frate e don Dalmasso dovettero eseguire, loro per primi, l'umiliante operazione di cui si è già parlato.  

    Nella testimonianza di questo sacerdote, sono quindi messi in risalto due importanti momenti della vita religiosa di P. Girotti che noi possiamo leggere come consequenziali, ovvero la recita del Rosario a Bolzano e la sua partecipazione diretta alla decima stazione della Via Crucis, accettata dal Nostro frate come uno strumento necessario per imitare Cristo, anche e soprattutto sulla strada del Calvario. 

   La via del Golgota, si è già detto, il Domenicano la compirà all'interno del lager, fino alla crocifissione quando, dopo aver agonizzato per circa una decina di giorni nel Revier, (la tremenda infermeria di Dachau in cui i deportati ricoverati venivano spesso usati come cavie umane per i mortali esperimenti condotti dai medici criminali Schilling e Rascher, con la complicità della stessa Università di Monaco) egli condividerà con il Salvatore anche la morte, con ogni probabilità accelerata da una iniezione venefica, e la resurrezione spirituale.

   Per quanto riguarda tuttavia il suo rapporto di devozione con la Vergine ed in che modo abbia potuto  metterlo in pratica nell'inferno del campo di detenzione, occorre precisare che verso la fine del mese di ottobre, dopo aver trascorso la quarantena nella baracca 25, fu assegnato assieme con don Dalmasso alla baracca 26, quella in cui erano rinchiusi tutti i religiosi. Essa, costruita per ospitare circa 180 persone, ne conteneva in realtà 1090 sebbene  una stube, ovvero uno dei quattro padiglioni in cui era stata suddivisa, fosse stata adibita a cappella per celebrare le funzioni. Proprio in questo padiglione, decisamente insolito per un campo di detenzione nazista, in un angolo, era esposta una statua della Vergine con il Bambino !

   Per tentare di capire cosa poteva rappresentare la vista di quella sacra immagine per un religioso deportato proviamo a leggere quanto ha scritto  un altro sacerdote detenuto, don Roberto Angeli,  riguardo al suo arrivo nel lager di Dachau

   Ci condussero alla stanza numero quattro, poi qualcuno mi accompagnò in cappella.

   Non mi chiedete che cosa dissi o cosa provai. Forse non dissi nulla, forse non mi riuscì neppure a balbettare una preghiera. Stetti lì in ginocchio, appoggiato alla parete ed il mio sguardo vagava tra il tabernacolo sull'altare ornato di fiori e la dolce immagine della Madonna col Bambino in braccio, che mi guardava dall'angolo della cappella3

   In quella stessa cappella il nostro P. Girotti nella sua breve e dolorosa permanenza nel lager bavarese, tutte le volte che il lavoro sfibrante e la salute precaria glielo hanno permesso, si è sempre recato per recitare il Rosario, per partecipare alla Messa che poteva essere celebrata una sola volta durante il giorno, alle 4 del mattino, per ricevere la Comunione.  In quella stessa cappella il Nostro domenicano avrà senz'altro invocato la Madre di Gesù con le preghiere più devote, più accorate e più struggenti che mai Le abbia rivolto in tutta la sua vita religiosa e dalla Beata Vergine, rappresentata in quella statua, egli avrà senza dubbio attinto la forza ed il coraggio per condividere con Cristo  l'estremo sacrificio.

Il 4 aprile, dopo 14 mesi di assenza dall'altare, don Angelo Dalmasso ha potuto celebrare la Messa di suffragio per P.Girotti, lasciandoci in seguito questa commovente testimonianza:

   Mentre iniziavo la Messa, attorniato dai Preti prigionieri, il Requiem dell'introito mi uscì rotto dai singhiozzi e dal pianto. Attorno al piccolo altare altri avevano le lacrime agli occhi, tutti volevano bene a P. Giuseppe. Un giovane seminarista francese della diocesi di St. Diè nel dipartimento dei Vosgi mi sorresse e mi aiutò a terminare la funzione, al termine mi confidò che avrebbe preso il posto di P. Girotti nell'Ordine Domenicano. (…)

   Alcuni mesi dopo, a liberazione ormai avvenuta, Raymond Demange, il seminarista suddetto, scriveva a don Dalmasso per dargli notizia che sarebbe entrato nell'Ordine dei Predicatori a St. Maximin in Provenza e per chiedergli la corona del Rosario appartenuta  P. Girotti, che il sacerdote sopravvissuto era riuscito a conservare ed a portare con sé

   Spedii la corona – afferma don Dalmasso concludendo il suo lungo articolo di testimonianza – e

pregai P. Girotti che suscitasse nel nuovo Domenicano il suo spirito e la sua virtù.

         

     

 

1Per tutte le citazioni riguardanti il Commento ai Libri Sapienziali  e la testimonianza di P. Scaltriti, si veda BRANDONI M., P. Giuseppe Girotti o.p., Martire della carità, in Dominicus, n.5 / novembre-dicembre 2013 pp.201-204

2Per questa citazione e per tutte quelle attribuite in questo articolo a don Dalmasso si veda DALMASSO A., Mille trecento preti in una baracca nel campo di sterminio di Dachau, in La Guida, Lunedì 6 marzo 1964

3ANGELI R. Vangelo nei lager, Livorno 1985, p. 127

Read 1223 times

Media

Leave a reply